Loading Posts...

Conoscere gli usi medicinali dell’ Hedera

Il Hedera, noto anche come edera, è una pianta rampicante della famiglia delle Araliaceae che può vivere fino a 500 anni. Cresce in ambienti umidi ed è originaria dell’ Europa. Oltre ad essere una pianta con applicazioni farmacologiche è utilizzata anche per decorare e decorare giardini, per questo motivo, c’ è una vasta gamma di varietà domestiche.

Caratteristiche

edera

Si tratta di una pianta perenne rampicante con rami sterili e riproduttivi. I rami sterili sono dritti o tortuosi, di colore da scarsamente a densamente peloso e rossiccio o verde-brunastro. A volte hanno anche rizomi.

Le foglie sono alternate, coriacee e lucide. In particolare, le foglie dei rami sterili hanno 3-5 lobi e sono separate da internodi. La lama è di colore verde, con nervi verdi o bianchi, leggermente prominente, e pecioladas.

D’ altra parte, le foglie dei rami fertili sono intere, ellittiche o ovariche. Sono separati da internodi. L’ arto è di colore verde scuro, con nervi verdognoli, poco prominenti e piccolissimi, la corteccia trasuda una resina gommosa.

I fiori sono organizzati in gruppi da 12 a 20 e sono disposti in umbels. I petali sono deltoidi, verde giallastro. sepali triangolari, marrone. Stamens con filamenti di un giallo verdastro.

I frutti sono frutti di bosco, piccoli, carnosi, neri o verde scuro.

Dove si trova?

L’ edera è originaria dell’ Europa ed è ampiamente distribuita nelle regioni temperate. Si può trovare in diversi territori: Nord Africa (Algeria, Libia, Marocco e Tunisia), isole del continente africano (Azzorre, Madera e Canarie), zona temperata dell’ Asia (Cipro, Israele, Siria, Siria, Turchia, zona del Caucaso, ecc.), Europa settentrionale (Danimarca, Norvegia, Svezia, Regno Unito e Irlanda), Europa centrale (Austria, Germania, Ungheria, Polonia, ecc.), Europa orientale (Lituania, Ucraina, ecc.), Europa sudorientale (Albania, Bulgaria, Grecia, Italia, ecc.) ed Europa sud-occidentale (Francia, Portogallo e Spagna). Altri luoghi dove è ampiamente coltivata e naturalizzata sono Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti (comprese le Hawaii) e Canada.

Di solito copre il suolo di foreste scure. Si arrampica anche su rocce e tronchi in luoghi non esposti alla luce solare diretta. Contemporaneamente viene coltivata in giardinaggio e presenta circa 40 forme riconosciute di fogliame.

Usi medicinali

I principi attivi dell’ impianto hanno diverse azioni farmacologiche: Saponosides e Poliacettilene.

Per via esterna l’ edera ha un effetto analgesico e lipolitico. Inoltre, è spesso presente nella composizione di gel e creme rivitalizzanti della pelle, poiché i saponosidi facilitano l’ assorbimento e la diffusione di altri principi attivi. Pertanto, è ampiamente usato nella medicina estetica, specialmente sui noduli di cellulite.

Medico orsacchiotto

Uso in bronchite acuta

L’ uso medico dell’ edera approvato dalla Commissione E del Ministero della Salute tedesco è: Tosse spasmodica e bronchite. In questi casi possono essere utili foglie essiccate sotto forma di infusione, anche se il loro uso dovrebbe essere limitato a poche dosi. Invece, popolarmente, viene preparato un liquore sedativo a base di 100 g di seme in polvere sciolto in un litro di vino.

Uso per mal di denti

In caso di mal di denti utilizzare un colluttorio preparato con decotto di foglie di edera nell’ aceto. In passato, i denti con cavità venivano trattati con la resina gengivale prodotta dalla pianta. E’ stato usato tradizionalmente in artralgia, artrite e gotta.

È stato inoltre utilizzato topicamente per il trattamento di lesioni cutanee, ulcere cutanee, flebite o cellulite.

Uso omeopatico

L’ uso omeopatico dell’ Hedera è preparato in diluizioni relativamente elevate, grazie al suo contenuto di iodio; queste soluzioni sono utilizzate contro la sovrafunzione della tiroide. E’ consigliato anche per lo scrofulosio e nei raffreddori delle mucose.

Può essere tossico?

La somministrazione orale avviene solo dietro prescrizione medica e sotto la supervisione di un medico. L’ intera pianta è tossica (soprattutto bacche), a causa dell’ eurina. Può causare vomito, crampi, disturbi nervosi e provocare aborto. L’ ingestione di due o tre frutti produce sintomi di intossicazione nei bambini (nausea, vomito, eccitazione) e di 5-12 frutti può portare alla morte per collasso respiratorio. Inoltre, l’ eurina ha una capacità emolitica (per iniezione), che può causare mal di testa e nervosismo. Si raccomanda di utilizzare questa specie solo con mezzi estrinseci, anche se le sue foglie secche sono meno tossiche.

L’ edera può causare reazioni di ipersensibilità. In caso di intolleranza al fruttosio, il trattamento deve essere effettuato solo dopo aver consultato un medico. Controindicato in allattamento e gravidanza. Il prodotto è irritante. Le foglie fresche e il loro succo possono causare dermatiti da contatto (eritema con vescicole ed erosione cutanea), la reazione è particolarmente intensa se la pelle è umida e si manifesta l’ esposizione al sole.