Loading Posts...

Incontra due tipi di ninfee: Nenúfar bianco e Lotus blu

La ninfaea è un genere di piante della famiglia delle ninfee. È un genere di piante acquatiche d’ acqua dolce che ha solitamente la caratteristica di avere grandi fiori. Comprende specie popolarmente note come gigli acquatici e loto. Alcuni di questi sono considerati fiori sacri in alcune religioni e tempi, come il loto blu che era venerato nell’ antico Egitto.

Queste piante sono molto apprezzate in giardinaggio per decorare stagni e piccole aree di acqua calma. Ci sono alcune varietà ibride molto decorative. Ci sono Nymphaea, come la ninfaa messicana, che può essere specie invasive.

Giglio di acqua bianca

Nenufar bianco

Dove si trova?

Si trova in tutta Europa e in alcune parti del Nord Africa e Medio Oriente, sempre in acqua dolce.

Dove cresce?

Cresce in acque che hanno una profondità compresa tra 30 e 150 cm e ama grandi zattere e laghi. Le foglie possono avere un diametro di 30 cm e 150 cm di lunghezza per argento. I fiori sono bianchi e dentro hanno molti stami.

Quali proprietà possiede?

Contiene alcaloidi attivi come la comonupharina e la ninfaeïna, che alcuni considerano sedativi e secondo altri afrodisiaci. Tradizionalmente in erbologia, radici e steli sono usati in aggiunta ai fiori.

Lotus blu

Il loto blu è noto anche come loto blu egiziano, loto sacro egiziano blu, loto Nilo, loto sacro o semplicemente loto (Nymphaealotus) è una pianta del genere Nymphaealotus.

Caratteristiche

Loto blu

Si tratta di una pianta acquatica perenne . Le radici formano tuberi che hanno più rizomi e quindi le piante di loto sono saldamente ancorate nel fango sul fondo dello stagno o fosso.

Le foglie sono alla fine di un fusto che si alza di qualche centimetro sopra l’ acqua. Molte foglie non si alzano e rimangono galleggianti.

Il fiore è grande e può raggiungere fino a 18 cm di diametro completamente aperto. Ha una colorazione molto delicata che può andare dal viola all’ azzurro pallido o al biancastro, con sfumature bluastre. Cresce su steli che si elevano sopra la superficie. Come il fiore si apre durante la notte e si chiude durante il giorno, gli antichi egizi hanno visto in questo evento simbolismo trascendentale.

Può essere riprodotto anche dividendo i rizomi e piantando i semi.

Dove si trova?

Il loto sacro blu è originario della valle del Nilo e dell’ Africa orientale. Era già diffusa nell’ antichità in India, dove è conosciuta come Rohit, e anche nel sud-est asiatico, dove è molto apprezzata in Thailandia.

Gli habitat originari del loto sono attualmente gravemente minacciati dalla proliferazione dell’ acqua giacinto ( Eichhorniacrassipes), una specie invasiva.

Questa pianta è attualmente presente in tutte le aree tropicali del pianeta. Gli antichi Egizi già piantati artificialmente loto in stagni giardino e frutteti. Questo loto cresce in stagni poco profondi, zone umide, fossati e rive di fiumi che scorrono morbidi, preferendo acque leggermente acide e non troppo fredde.

Significato impianto

Il loto indiano era un fiore sacro dell’ antico Egitto, Nubia ed Etiopia. Era uno dei fiori più coltivati in Egitto dei regni antichi.

Per gli antichi egizi il colore blu dei petali simboleggiava il cielo e il centro giallo il sole. Il fatto che questo fiore si apre di notte e si chiude di giorno simboleggiava il sorgere del sole e il tramonto quotidiano. Esso simboleggiava anche la separazione del mondo dalle divinità e del mondo dagli uomini, nonché la vita dell’ aldilà e della vita presente. Per questo motivo il fiore di loto blu è stato utilizzato nelle cerimonie rituali legate alla morte e alla nascita.

D’ altra parte, ha anche effetti narcotici. Gli antichi egiziani lo prepararono sotto forma di tisana o dissolto nel vino. Poiché era anche una fonte di cibo, forse questa pianta era forse il loto mangiato dal loto nell’ Odissea di Omero, soprattutto considerando che conteneva alcaloidi allucinogeni. Questi avrebbero potuto creare una dipendenza che avrebbe reso i compagni di Ulisse riluttanti a lasciare la terra dei lotofagi.

Gli egiziani credevano anche che l’ odore di questo fiore avesse proprietà medicinali.

Leave a Comment