Loading Posts...

L’ aglio, un ortaggio diffuso, indispensabile e non esigente

Coltivare l' aglio

L’ aglio (Alliumsativum) è un ortaggio della famiglia dei liliacei. Ha un bulbo arrotondato, commestibile, chiamato testa, composto da numerose unità. È un ingrediente indispensabile della cucina mediterranea. Ha avuto origine in Asia centrale, forse in Kirghizistan (Siberia sudorientale), da dove si è diffusa ampiamente in tutta Europa, e da lì alle Americhe nelle regioni del Messico, Perù e anche negli Stati Uniti. Nei paesi catalani l’ aglio è coltivato su larga scala e può essere trovato nella maggior parte dei frutteti.

Cresce su suoli sabbiosi profondi con moderato contenuto di calcio e ricchi di potassio. I bulbi all’ aglio si rovinano con terreno denso e untuoso, quindi non devono essere coltivati su terreni biologici e non possono essere utilizzati letame. Anche se non è una pianta molto esigente con il clima, acquista un gusto piccante nei climi freddi. È sul mercato tutto l’ anno, poiché fiorisce tra la tarda primavera e l’ inizio dell’ estate. La resistenza del frutto lo rende perfetto per molto tempo dopo essere stato raccolto e conservato in un luogo fresco.

L’ aglio ha una composizione chimica varia e complessa

Per quanto riguarda la composizione chimica, spiccano i derivati sulfoxidici dell’ alchilcisteina come allilalliina, metilalliina, propenilalliina e oli essenziali (0,2-0,3%) come aglilicina o alilicisteina solfoossido. È ricco di polisaccaridi omogenei ed è composto fino al 75% di fruttosano. D’ altra parte, è costituito da aponinastriterpene (0,07%), sali minerali (2%): ferro, silice, zolfo e iodio e una piccola quantità di vitamine (A, B3, B1, B6, C) e adenosina.

Coltivare l' aglio

Grazie alla sua ampia composizione, l’ aglio ha numerose applicazioni farmacologiche: è tradizionalmente usato nei casi di bronchite, aeropagia, dispepsia, spasmi addominali e diabete. Tipicamente è stato usato per il trattamento dell’ artralgia, del mais, delle verruche, dell’ otite, dell’ artrite, della nevralgia o della sciatica. Viene utilizzato anche come condimento alimentare. Curiosamente, gli egiziani già usato come rimedio per il dolore. Venne usato anche contro la peste e durante le due guerre mondiali per il trattamento di ferite, colera o tifo.

Attualmente, l’ aglio è ampiamente usato in campo farmacologico: agisce come un ipolipemico in quanto abbassa il livello di colesterolo LDL nel sangue (colesterolo nocivo), producendo un effetto cardioprotettivo; e non influenza i livelli di trigliceridi che sono sani per il cuore e necessari per il corpo. L’ aglio contribuisce così alla prevenzione dell’ ictus e delle cardiopatie coronariche. Il suo effetto vasodilatatore periferico provoca un aumento del calibro dei vasi sanguigni ed è prodotto grazie al rilascio di agenti vasopressori quali prostaglandine e angiotensina II, e all’ attivazione di una sintasi nitrica ossido-nitrica che produce ossido nitrico. L’ effetto ipotensivo dell’ aglio è causato dall’ effetto vasodilatatore. In dosi elevate, l’ aglio provoca un calo della pressione sanguigna, sia massimo che minimo.

L’ aglio è l’ antisettico naturale per eccellenza

Inoltre agisce anche come un antiaggregante piastrinico che impedisce l’ eccessiva tendenza delle piastrine del sangue a coagulare, e agisce anche come fibrinolitico, rompendo la fibrina causando coaguli di sangue. In questo modo, aumenta il flusso sanguigno e lo rende consigliabile per tutti coloro che hanno subito embolie, trombosi, ecc

.

D’ altra parte, l’ aglio normalizza il livello di glucosio nel sangue e quindi, è bene per i diabetici e le persone obese usarlo.

E’ antibiotico e antisettico generale. L’ aglio ha anche un’ azione antibiotica contro diversi microrganismi come gli enterococchi e l’ agente che causa salmonella, stafilococchi e streptococchi, diversi funghi, alcuni virus, ecc. L’ aglio esercita un’ azione battericida nel tratto intestinale in modo selettivo, quindi, a differenza degli antibiotici sintetici, regola la flora intestinale e non la distrugge, poiché agisce solo su batteri patogeni.

È anche in grado di stimolare l’ attività delle cellule difensive, dei linfociti e dei macrofagi del corpo, stimolando così la risposta immunitaria e aiutando il sistema immunitario del corpo a resistere alle infezioni. L’ aglio viene sempre più spesso usato come complemento al trattamento dell’ AIDS.

Gli studi hanno dimostrato che aglio blocca la formazione di potenti agenti cancerogeni, chiamati nitrosammina, che possono verificarsi durante la digestione di alcuni alimenti. È noto che l’ alliicina, uno dei suoi principi attivi, impedisce la proliferazione di batteri ‘ Helicobacter pylori’; ‘ ‘ correlati alle ulcere allo stomaco e che possono favorire lo sviluppo di tumori allo stomaco.

Leave a Comment