Loading Posts...

Regola la pressione sanguigna con Biancospino

Il biancospino (Crataegus monogyna), noto anche come biancospino o biancospino è un arbusto della famiglia delle rosacee molto comune nel clima mediterraneo. Biancospino ha un’ ampia distribuzione. Si trova in Europa centrale, Mediterraneo, costa atlantica, Asia occidentale, Sud Scandinavia, Nord America, Nord Africa e Siberia. La sua forma vitale è pluriennale.

Foglie di biancospino

Qual è il suo habitat?

Il suo habitat è il suolo montuoso della regione mediterranea. Vive in zone umide della media montagna, di solito in boschi di querceti o in siepi umide, boschi decidui e scarsamente densi. Di solito si trovano intorno alle colture e ai pendii montani.

Caratteristiche

Il biancospino spinoso può raggiungere circa 10 metri di altezza, ma normalmente non supera i 5 metri. Per quanto riguarda gli organi vegetativi, la radice è asconomorfica, come in tutti i dicotiledoni, con un asse maggiore rispetto a quello laterale o secondario. Ha rami e fusti legnosi, con taglio eretto e corteccia grigiastra.

Le foglie più sviluppate crescono da 1 a 3,5 cm e presentano all’ apice 3-7 segmenti acuti, interi o lobati. Sono generalmente pentalobulades, a forma ovale e margine seghettato. Ha un colore verde scuro brillante nel fascio, e verde chiaro sul retro, quindi è chiamato colore discolor. Il picciolo è lungo da 3 a 15 mm.

I fiori sono bianchi ed ermafroditi e compaiono solitamente in primavera formando infiorescenze racemosche dette corimbos, dall’ aroma intenso. Coltivano 1 o 1,5 cm di diametro, con 5 sepali corti triangolari e 5 petali e crenate orbicolari. Androceu ha 10-20 stami. Il gineceo è, come indica il nome, monogyna, formata da un carpelo in questa specie, quindi è unicarpelar con l’ ovaia minore.

I frutti sono piccoli pomoli rosso vivo, ellissoide, un centimetro di lunghezza. Essi maturano alla fine di agosto e hanno un solo osso (il seme, proveniente dal loro unico carpelo).

Di quali usi medicinali dispone?

Biancospino bianco medicinale

Come approvato dalla Commissione E del ministero della Sanità tedesco, il biancospino è utilizzato nei seguenti casi:

  • Errore cardiaco
  • Insufficienza coronarica
  • Bradicardia.
  • Non è utile negli attacchi acuti perché ha un effetto lento.

Proprietà medicinali

  • Cardiotonico e leggermente diuretico: Si ritiene che la sua azione regola la pressione sanguigna e quindi potrebbe essere utilizzato nel trattamento dell’ ipertensione e delle aritmie cardiache.
  • Sedativo: Può essere utile per trattare l’ insonnia.
  • Rilassante muscolare e antispasmodico: Può essere usato nei casi di ansia e nervosismo che causano sintomi come spasmi e tensione muscolare.

Effetti avversi

Durante l’ uso di preparati commerciali contenenti biancospino, un piccolo numero di pazienti valutati ha mostrato alcuni effetti negativi: stanchezza, sudorazione, nausea ed eruzione cutanea sulle mani, scomparsi una volta che il farmaco è stato interrotto.

La bassa pressione sanguigna e la bradicardia che provoca negativamente in alcuni casi, può essere preso come un effetto favorevole quando ci sono cardiopatie che danno tachiaritmie e ipertensione.

Leave a Comment