Loading Posts...

Uso medicinale della liquirizia

La liquirizia (Glycyrrhiza glabra) è un arbusto della famiglia delle fabaceae. Dalla radice o rizoma si estrae una sostanza dolce nota anche come liquirizia.

Pianta Glycyrrhiza glabra

Da dove viene?

La liquirizia proviene dall’ Europa mediterranea e dall’ Asia Minore ed è coltivata in molti luoghi grazie alla sua naturalizzazione in aree umide, accanto a fiumi, burroni, ecc. Nella penisola iberica si può trovare in aree fluviali di ambienti mediterranei con scarse precipitazioni. Soprattutto nelle zone vicine al fiume Ebro e in alcune aree sparse del sud e dell’ est della penisola.

Descrizione impianto

Si tratta di un arbusto geofita pluriennale, che può raggiungere un metro e mezzo di altezza. Ha un rizoma verticale altamente sviluppato e tuberoso, che prosegue verso il basso con una potente radice asconomorfica divisa in 3 o 5 radici secondarie. Ha anche diversi corridori orizzontali, che possono misurare fino a 8 metri.

Questi corridori sono utilizzati per la riproduzione asessuale (molto attivo in questa pianta). Lo stelo è striato e poco ramificato. Le foglie sono perenni, composte, alternate e variano da 7 a 15 cm con 5-9 foglioline ellittiche.

I fiori sono ermafroditi, di colore viola o azzurro pallido e costituiscono un’ infiorescenza a forma di orecchio ascellare. Sono di piccole dimensioni, e germogli lunghi peduncoli. Alla base compaiono brattee lanceolate, membranose e persistenti. Ha un calice con sepali svasati e un gran numero di peli ghiandolari sulla sua superficie.

L’ androceu è composto da 10 stami. La ginecologia è super, unilaterale e monocarpellare. Si sviluppano da 4 a 5 principi fondamentali. Frutta in legumi oblunghi (estesi), compressi e siliciosi, che possono raggiungere i 3 cm di lunghezza. È un legume glabro, di forma irregolare e con 2-5 piccoli semi e reni all’ interno.

Scoprire le sue utilizzazioni medicinali

  • Sistema digestivo: Antispasmodico, antinfiammatorio e antiacido. La radice di questa pianta ha proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie della mucosa gastrica, che aiuta a prevenire o curare l’ indigestione o altre malattie intestinali più gravi, come la colite ulcerosa o la malattia di Crohn.
  • Sistema respiratorio: Sore gola, tosse e raffreddore. Oltre alle sue proprietà battericida, la liquirizia ha proprietà antinfiammatorie e ammorbidenti delle membrane mucose respiratorie, come mal di gola, tosse, petto appesantito da raffreddore, asma, ecc
  • Antivirale: La capacità della glicirrizina di inibire la crescita del virus è stato utilizzato per combattere una serie di malattie virali. Con i pazienti affetti da AIDS, è stato sperimentalmente dimostrato che i pazienti portatori del virus a cui è stato somministrato questo componente riescono a ritardare i sintomi avversi prodotti dalla malattia una volta manifestatasi. Queste proprietà possono essere utilizzate per trattare l’ influenza.
  • Antidepressivo: La liquirizia aiuta a combattere la depressione. Questa proprietà è influenzata dalla presenza di vari minerali come calcio e magnesio, vitamina C e flavonoidi isolitari. Quest’ ultimo con proprietà sperimentalmente studiate per inibire la crescita di tumori tumorali, insieme a beta-carotene o acido betulinico.
  • Sindrome di stanchezza cronica: La glicirrizina di questa pianta ha proprietà che possono essere indicate per per aumentare la pressione sanguigna e per aumentare l’ umore di quei pazienti con sindrome da stanchezza cronica o altri tipi di stanchezza.
  • Menopausa: glicirrizina ha la proprietà di regolare gli estrogeni nelle donne. Il suo uso durante il periodo di menopausa potrebbe migliorare i sintomi avversi che il periodo causa molte volte.
  • Fumare: E’ molto appropriato leccare un pezzo di liquirizia quando si vuole fumare, non solo perché sostituisce l’ abitudine riflessa di avere una sigaretta, ma perché questa pianta contiene principi che aiutano a disintossicare il corpo e a rendere il sapore del tabacco sgradevole.
  • Corsa di calore: La liquirizia è un buon rimedio per abbassare la temperatura corporea essendo molto utile per evitare shock termici, disidratazione, ecc. in estati molto calde. Con le radici di questa pianta si prepara liquirizia water” un buon rimedio per eliminare la sete e mantenerci freschi.
  • Utilizzo esterno: le applicazioni di liquirizia in uso esterno si basano sulla capacità della pianta di inibire la crescita di microrganismi, siano essi virus, batteri o funghi. Come il virus dell’ herpes, funghi, psoriasi o infezioni vaginali. Aiuta anche a conservare i capelli inibendo l’ ormone deidrotestosterone, che diminuisce le secrezioni oleose dei capelli.

È tossico?

Liquirizia Medicinale pianta

La glicirrizina ha proprietà mineralcorticoidi e glucocorticoidi. Il suo uso prolungato ha effetti negativi sul corpo con aumento della pressione sanguigna (pressione sanguigna), aumento della ritenzione idrica e del sodio. Una perdita anormale di potassio porta a ipopotassiemia.

Molti dei veleni avvelenamenti si verificano in modo inconscio con l’ uso usuale di questa pianta in caramella. Altre cause di avvelenamento includono l’ assunzione di grandi quantità di bevande contenenti liquirizia, il fumo di tabacco trattato con liquirizia, ecc.

Usi alimentari

Oltre alle preparazioni standard di liquirizia, la radice essiccata triturata viene utilizzata anche per fare decotti e macerata per ottenere una bevanda alcolica a 45 gradi. Il vantaggio della radice è che una volta raccolta e lavata correttamente, può essere conservata e conservata perfettamente. Ha un valore come edulcorante e viene utilizzato anche nella fabbricazione di prodotti del tabacco per migliorare il gusto.

Cultura

La pianta può essere propagata per seme o per moltiplicazione delle radici o dei rizomi. La piantagione può essere fatta in autunno o in primavera. I semi sono difficili da germinare e devono essere ammorbiditi 24 ore in acqua per attivarlo. I rizomi impiantati devono avere almeno una corteccia. Una volta che la pianta nasce, si comporta come una pianta invasiva e non lascia crescere un’ altra erba. Le radici vengono prelevate dalla pianta nell’ autunno del secondo anno.

Leave a Comment