Loading Posts...

Per saperne di più su Nicoatianatabacum, la pianta da cui si ricava il tabacco.

Il tabacco è una pianta erbacea della famiglia delle solanacee, nota perché il tabacco è ottenuto dalle foglie di questa pianta. La parola tabacum è di origine incerta, forse da parole del tabbaq arabo usato per descrivere piante medicinali che si vertiginano o fanno dormire le persone.

Pianta di tabacco

È una pianta erbacea, eretta, completamente pubescente, alta da 1 a 3 metri e che secondo il suo ciclo di vita è annuale. Relaxonomorfico con abbondanti radici secondarie e terziarie. L’ apparato radicale è molto ampio e può raggiungere fino a 30 cm di profondità. Gambo erbaceo, eretto, fitto e con pochi rami. Le foglie di forma variabile (lanceolate, ovarie o ellittiche) sono disposte alternativamente sul fusto. Possono essere lunghi fino a 50 cm, con la forma dell’ apice accumulato, margine intero, nervato, inserito nel fusto senza gambi (sesile) e di colore verde chiaro. Il frutto è una capsula marrone, lunga da 15 a 20 mm circa.

Attualmente è coltivata in circa 120 paesi di latitudini e condizioni climatiche diverse, ma a causa del duro lavoro e della dedizione nella raccolta e nella produzione, i migliori risultati si ottengono solo in alcuni paesi. Per una crescita ottimale, la pianta del tabacco deve crescere in un ambiente con temperature comprese tra 20°C e 30°C, un’ umidità relativa dell’ 80%-85% e in un terreno povero di azoto.

Le foglie di tabacco sono la fonte della nicotina

Per quanto riguarda la composizione chimica, il tabacco è ricco di nicotina, un alcaloide liquido presente in tutta la pianta, tranne che nei semi, ma in percentuali molto variabili, essendo le foglie dove c’ è maggiore concentrazione di questo composto. Inoltre, contiene anabasina (alcaloide simile alla nicotina ma meno attiva), nornicotina: alcoloide simile alla nicotina e molto volatile, nicotoïna, nicotelina, pirrolidina, 2–piridilpiperidina, N-metilpirrolina e isoamilammina. Ha inoltre un contenuto di circa lo 0,04% di essenze di tabacco, resine, glicosidi, uno dei quali rilascia cianuro idrocianico, nonché vari acidi organici.

Per quanto riguarda la tossicità, la DL 50 o dose media letale media di nicotina è di 50 mg/kg nei ratti e di 3 mg/kg nei topi. 40-60 mg (0,5-1,0 mg / kg) può essere una dose letale per gli esseri umani adulti. Pertanto, la nicotina ha un’ elevata tossicità rispetto a molti altri alcaloidi come la cocaina, che ha una DL 50 di 95,1 mg/kg quando somministrata ai topi.

Tabaco

Tuttavia, è impossibile avere un sovradosaggio basato esclusivamente sul fumo (anche se è possibile se qualcuno mette su toppe di nicotina, masticare gomma di nicotina e/o tabacco da fumo allo stesso tempo). Versare una concentrazione estremamente elevata di nicotina nella pelle può portare all’ avvelenamento o anche alla morte, in quanto la nicotina passa facilmente nel flusso sanguigno attraverso la pelle.

Vi possono essere anche altre fonti di tossicità associate. Ad esempio, a seconda del tipo di fertilizzante utilizzato, la pianta e il fumo possono contenere Polonio-210. È un elemento radioattivo presente nella catena del radon e presente in natura, specialmente nelle miniere e nel fondo della terra, ma anche nell’ aria. La sua attività è molto elevata ed è considerata così pericolosa che non è abbastanza sicura da poter essere utilizzata in medicina, per esempio, e invece è stata usata come un potente veleno. In Europa esiste un’ intera rete di rivelatori che controllano la loro concentrazione nell’ aria. Emette particelle alfa.

Il tabacco da fumo consumato sotto forma di tabacco comprende inoltre altre sostanze altamente tossiche, aggiunte direttamente come componenti del catrame o prodotte dalla combustione di catrame, nel caso delle sigarette e dei tubi.

La sua coltivazione non ha solo come obiettivo la produzione di tabacco

Viene utilizzato principalmente per la produzione di tabacco . Viene anche utilizzato come insetticida per animali e piante, in particolare per la fumigazione delle serre. Il tabacco è stato tradizionalmente usato negli esseri umani per fare trattamenti antielminticidi, insetticidi, antidiarroici, mal di testa, orecchio e denti.

Leave a Comment