Loading Posts...

Usa il timo per insaporire i tuoi pasti

Il timo (Thymus vulgaris) è un subarbutivo della famiglia labiated. È uno dei condimenti tradizionali della cucina mediterranea. Può portare a formazioni vegetali come la macchia, il timo delle regioni mediterranee, il suolo montuoso e persino subalpino. Le altezze fiorite secche sono usate come rimedio.

Timo pianta

Caratteristiche del timo

È un arbusto aromatico perenne con un’ altezza fino a 30-40 cm (tag_/ forte). La radice è asconomorfica. Ha fusti legnosi e pubescenti (con peli corti e morbidi). La tessitura delle foglie è erbacea.

Essi sono foglie di colore verde estinte dal fascio e di colore biancastro sul retro, in quanto ricoperte di peli bianchi. Misurano al massimo 1 cm di lunghezza compreso il picciolo. Si tratta di foglie semplici, con la lama lanceolata, foglie raggedy (che sembrano più strette in quanto l’ ambiente asciutto provoca i margini da ripiegare all’ indietro) e hanno una costola forata.

L’ inserimento delle foglie nel fusto è sottile, cioè hanno un picciolo molto piccolo, e la loro disposizione è decaduta. I fiori si trovano nelle infiorescenze cimose nel glomèrol. Sono ermafroditi. Hanno 5 sepali (is gamosèpal) e 5 petali (is gamopètala).

La corolla è bilabiata: il labbro superiore, basso, basso, e il labbro inferiore suddiviso in tre lobi divergenti, di colore rosa o bianco. L’ androceu è composto da 4 stami liberi tra loro ma saldati alla corolla. La ginecologia consiste di 2 carpelli saldati e ha un super ovario. I frutti sono nuclei. La raccolta avviene durante la fioritura, da marzo a giugno.

Dove si trova?

Timo è originario della regione del Mediterraneo occidentale e cresce spontaneamente nell’ Europa centrale, nei paesi balcanici e del Caucaso.

La pianta è coltivata in Europa Centrale e Meridionale, Africa Orientale, India, Turchia, Israele, Marocco e Nord America. I principali produttori di timo sono Spagna, Marocco, Francia, Bulgaria e Ungheria.

Utilizzo in alimentazione

Timo per cucinare

Il timo è usato in cucina come condimento. E’ un ingrediente base della cucina spagnola, francese, greca, greca, italiana, libanese, persiana, portoghese, libica, siriana e turca. È anche ampiamente utilizzato nella cucina araba e caraibica. Il timo è spesso usato per condire carne, stufato e zuppa. Anche se gustoso, non domina e si mescola bene con altre erbe aromatiche e spezie.

Il miele di timo è uno dei più apprezzati sul mercato ed è uno dei tipi che si può considerare, se la proporzione del suo polline è sufficiente, il miele monoflorale.

Come ingerirlo

  • Infusione: concentrata nell’ 1-3% (10-30g per litro) da assumere oralmente, o concentrata nel 5-15% per mettere il bagno come effetto sedativo.
  • Olio essenziale: 0,2-2g per dose, massimo 2-3g al giorno. Non è consigliabile risciacquare troppo concentrato o troppo a lungo. L’ olio essenziale viene utilizzato anche per diluirlo in olio di mandorle dolci e per preparare i liniments che vengono applicati esternamente.
  • Estratto fluido: 30-40 gocce, più volte al giorno, sciolte in tisana.
  • Sciroppo: si prepara con 30 g di estratto fluido, 15 cc di alcol al vino e 150 cc di sciroppo semplice. Si assume in dosi di uno o due cucchiai di caffè, più volte al giorno.

Conservazione del Timo

In contenitori che sigillano ermeticamente e mai in contenitori di plastica (per oli essenziali), senza luce diretta e protetti dall’ umidità

È tossico?

In dosi normali il suo uso non ha tossicità. Deve essere monitorato quando si utilizza olio essenziale che non deve mai essere utilizzato in caso di gravidanza, ulcera o problemi cardiaci. Un uso elevato di questo olio, grazie al suo contenuto in timolo, può produrre ipertiroidismo o intossicazione, a causa dell’ irritazione del tratto digerente.