Loading Posts...

Scopri le proprietà curative degli spray solari

Lo spray solare ( Drosera rotundifolia) è una pianta erbacea e perenne. Ha diverse proprietà curative che possono aiutare a migliorare la salute.

Appartiene alla famiglia Droseracios, una delle specie nordiche di drosera. Drosera rotundifolia vive in Europa, Nord America e Asia. Nella penisola iberica può essere visto in zone montuose come la Sierra de Madrid, Sierra de Gredos, vette d’ Europa o i Pirenei.

Quando fiorisce?

Impianti di guarigione

La rugiada solare fiorisce durante i mesi estivi (giugno, luglio, agosto) e viene raccolta in giugno, raccogliendo l’ intera pianta. Vale la pena di ricordare che si deve procedere ad una rapida essiccazione. In fase avanzata di fioritura è prudente essiccare la pianta in forno per preservarne al meglio le proprietà terapeutiche.

Condizioni di coltivazione

L’ adattamento fisiologico di queste piante in ambienti aridi è talmente grande che è molto difficile coltivarle. Se irrigata con acqua corrente (che di solito contiene un alto contenuto di sale), fa sì che la pianta non sopravviva e muore entro pochi giorni. Pertanto, essi devono essere irrigati solo con acqua piovana o distillata. Se si desidera avere questo impianto, è necessario tenere presenti le seguenti condizioni:

  • Irrigazione stagnazione
  • Luce solare diretta ma filtrata da cristalli
  • Elevata umidità
  • Temperature che vanno da 20-25 ° C

Quali sono le sue proprietà curative?

La classificazione terapeutica di Drosera rotundifolia è PR02, ossia è classificata come pianta medicinale utilizzata in condizioni respiratorie. Secondo la Commissione E, essa ha le seguenti indicazioni terapeutiche approvate:

  • Tosse improduttiva (indotta dall’ eccitazione del nervo laringeo)
  • Bronchite.
  • Spasmi digestivi.

Tuttavia, è stato tradizionalmente utilizzato come trattamento per:

  • Asma.
  • Le verruche.
  • Antimicrobica.
  • Cosmetici.
  • Anticancro.

Successivamente, ci concentreremo su alcune delle azioni farmacologiche che utilizza:

  • Anti-microbiologici: è stato dimostrato che i neftochinoni possiedono proprietà antimicrobiche, in particolare su germi positivi e negativi, virus dell’ influenza, protozoi e funghi opportunistici. In vitro, una soluzione di piombagina a concentrazione di 1:50.5000, ha mostrato un’ attività inibitoria contro Streptococcus e pneumococco.
  • Antispasmodico e antitopi (eccesso di tosse indotta dall’ eccitazione del nervo laringeo): esercita un effetto broncodilatatore sul muscolo bronchiale liscio. Questi effetti dovrebbero essere indotti da acetilcolina o istamina. Drosera è stato introdotto nel campo delle malattie respiratorie, soprattutto nei casi di costrizione bronchiale, tosse e bronchite (Negli studi su animali, gli estratti di questa pianta hanno dimostrato di prevenirli). Questa attività antispasmodica del naftochinone è stata osservata anche nell’ induzione del cloridrato di bario. In studi in vitro sull’ ileo di maiale della Guinea, è stato dimostrato che l’ astratto di drosera a dosi di 0,5 -1,0 mg / ml inibisce i recettori muscarinici M3 e le istamine H1.
  • Anti-sclera: se somministrato per lunghi periodi di tempo.
  • Rubefacido: se la pianta fresca è applicata su pelle sana.
  • Impedisce la formazione di cicatrici (lesione della pelle caratterizzata da necrosi dell’ epidermide, derma e ipoderma) e piaghe in persone costrette a prostrare per lunghi periodi di tempo: a causa del suo contenuto in acido tannico.
  • Antiinfiammatorio: negli studi in vitro sui neutrofili umani, è stato dimostrato che l’ estratto di etanolo di drosera inibisce l’ elastasi neutrofili a concentrazioni di 9,4 mg / ml.
  • Azione digestiva: simile alla pepsina, in estratti acquosi.
  • Effetto citotossico o inmonosupressore: sulle colture di granulociti e linfociti umani. In poche proporzioni presentano effetti immunostimolanti.

Piante medicinali

Uso comune

I suoi usi popolari sono i seguenti: espettorante, anti-asmatico e anti bronchiale. E’ stato anche usato come diuretico, antispasmodico, afrodisiaco o anche nei casi di tubercolosi polmonare. In tutti i casi si utilizza un infuso di 1,5-2%, facendo bollire per 10 minuti. Bere 3-4 tazze al giorno. Nelle applicazioni sulla pelle è usato contro le verruche.

Come farlo?

Estratto fluido (1g = 37 gocce): 25 gocce vengono somministrate, 2-3 volte al giorno in poca acqua.

Polvere (4-1): Si assume in capsula sotto forma di 250 mg ciascuno, somministra due capsule al giorno.

Infusione: Per questo metodo aggiungeremo 15 g di tutta la pianta ad un litro d’ acqua precedentemente bollita e che conserva ancora il calore. La terremo in contatto per dieci minuti. È possibile bere tre o quattro tazze al giorno.

Sciroppo: Può contenere il 20% di drosera nella sua composizione. Il suo dosaggio è di 4-6 cucchiaini da tè di dessert al giorno (ogni cucchiaino da tè è equivalente a 0,10 g).

Tintura (1:10): 5-20 gocce sciogliere in mezzo bicchiere d’ acqua. Può essere preso 3-5 volte al giorno.

Può essere tossico?

Non ha tossicità, anche se le dosi terapeutiche di plumbagina (componente chimico del naftochinone), può causare irritazioni cutanee isolate. La sua tossicità zero ha portato la pianta ad essere utilizzata nei bambini e nelle persone con pelli molto deboli. Non sono state segnalate reazioni avverse alle dosi terapeutiche raccomandate e non è stato dimostrato alcun rapporto causa-effetto tossico con il drosera. Tuttavia, questa specie ha effetti collaterali e controindicazioni.

Rispetto al primo termine, il sovradosaggio provoca nausea, infiammazione della mucosa della bocca, irritazione gastrica e intestinale. Le contraddizioni includono ulcera gastrointestinale e colite ulcerosa. Il drosera non deve essere utilizzato durante la gravidanza o l’ allattamento a causa della mancanza di dati di sicurezza.

Leave a Comment